Pubblicato in: libri

Chi legge?

“Ascoltare qualcuno che legge ad alta voce è molto diverso che leggere in silenzio. Quando leggi, puoi fermarti o sorvolare sulle frasi: il tempo sei tu che lo decidi. Quando è un altro che legge è difficile far coincidere la tua attenzione col tempo della sua lettura: la voce va o troppo svelta o troppo piano.”
Io l’ho sempre pensato, se è qualcun altro a leggere è più facile distrarsi, sorprendersi addirittura a pensare a qualcos’altro che, chissà come e chissà perché la lettura ci ha portato alla mente. Anche quando si legge ad alta voce il risultato non è diverso perché bisogna mantenere sempre lo stesso ritmo, perché non ci si piò soffermare un pochino in più su una frase o su una parola, forse anche perché ci si concentra più sul leggere bene che sul cosa si sta leggendo. Comunque la frase iniziale tra virgolette indovinate un pò di chi è? Di Italo Calvino! Anche lui la pensava così 🙂

Pubblicato in: libri

Un tocco di colore!

Ecco alcune delle panchine letterarie del parco Sabucchi di Pescara, ve ne avevo parlato l’ultima volta. Ieri sono andata a fotografarle, purtroppo si sono scolorite soprattutto sulle sedute, ma sono ancora belle!
Proprio su quella di Romeo e Giulietta ho fatto un’intervista con Fabio Rosica per “Pescara news” qualche mese fa.

Pubblicato in: libri

Panchine letterarie

Sapete che a Londra, sparse per la città, ci sono circa 50 panchine letterarie?
Sono state istallate nel 2014 e sono molto colorate, vivaci e ognuna è ispirata ad un libro diverso, da libri per bambini a libri più impegnativi, queste panchine sono state create per invogliare la gente alla lettura.
a Torino, passeggiando siamo passati in un giardinetto pubblico e ci siamo imbattuti in un’altra panchina particolare, anche questa, forse di ispirazione letteraria, c’era un libro dello stesso materiale della panchina, una lettera, una rosa, un cappello e due farfalle.
A Pescara, erano state dipinte la maggior parte delle panchine del parco Sabucchi, ognuna con frasi o disegni di diversi libri. E’ un vero peccato che ora si stiano scolorendo!
Voi avete scovato altre panchine letterarie nella vostra città?

Pubblicato in: libri

Snoopy, il manuale del giovane scrittore creativo

Visto che mi hanno chiesto più volte se avevo seguito un corso di scrittura creativa, la zia ha deciso di regalarmene uno, ma un po’ particolare, l’autore infatti è nientepopodimeno che Snoopy!
Il manuale è un po’ datato (1987), ma data l’indiscussa fama e simpatia dell’autore lo leggerò sicuramente e condividerò con voi informazioni e riflessioni!

Una delle prime cose che mette in evidenza Snoopy è che l’ispirazione non viene a comando, difficile scrivere un “capolavoro” se è stato qualcun altro a scegliere i tempi, i modi e l’argomento perché c’è poco da scherzare, insomma, l’ispirazione è indispensabile e solo riuscendo ad entrare nel flow ci si può chiudere il resto alle spalle ed entrare a pieno nella propria mente, nelle proprie idee, nella propria immaginazione.

Snoopy consiglia di usare carta e penna, la macchina da scrivere è per scrittori avanzati!
Ovviamente, come già detto in un altro post, con un computer o con un tablet magari collegato ad una tastiera, è tutto più facile!

Pubblicato in: libri

La Luna

Ultimamente si parla molto della Luna, con l’ultima missione cinese che è atterrata sul lato “oscuro”, quello che nessuno aveva mia raggiunto prima, e per la recente eclissi…che purtroppo io non ho potuto vedere dal vivo a causa delle nuvole e che ha riservato ad alcuni osservatori attenti anche una bella sorpresa, e cioè un meteorite che è caduto proprio durante la fase…rossa. A me la Luna piace moltissimo, soprattutto da quando la posso guardare grande e brillante con il telescopio, è una presenza costante da una parte, ma sempre in evoluzione, cambia, cresce sparisce, brilla al massimo delle sue potenzialità, si avvicina un pò e poi si allontana di nuovo, qualche volta fa capolino di giorno. Qualche anno fa ho scritto una storia dedicata alla Luna e al sogno di poterla raggiungere, un racconto simpatico e particolarmente autobiografico visto che quasi tutti i personaggi sono ispirati a persone realmente esistenti, un libro avventuroso e un pò scientifico, infatti nelle ricerche è stato d’aiuto anche mio fratello, e ho fatto anche i disegni!
Si chiama “Sulla Luna“!

Pubblicato in: libri

Un vero gioiello

Non mi viene nessun’altra definizione che descriva altrettanto bene la biblioteca di Kansas City, in Missouri, USA. Fondata nel 1873 e ristrutturata l’ultima volta nel 2004 si presenta come uno scaffale di libri giganteschi, sono 22 alti oltre 7 metri e i testi rappresentati sono stati scelti dai cittadini con una votazione, tra questi numerosi autori americani, Tolkien (Il Signore Degli Anelli), Shakespeare (Romeo e Giulietta), poi anche Platone e Gabriel Garcia Marquez. Anche all’interno lascia senza fiato, l’ingresso infatti, mostra la splendida hall che era della banca che ospitava prima quell’edificio, c’è poi una piccola scalinata a cui si accede passando tra due metà di un libro aperto, anche i gradini, come le pareti laterali, sono dei libri.
Come non considerarla uno strepitoso invito alla lettura?
Il solo attraversare l’ingresso ti da la sensazione di entrare in un libro proprio come Bastian nella Storia Infinita!

La biblioteca organizza numerosi eventi tra cui incontri con gli autori, visite guidate e persino matrimoni, tutto questo fa si che non siano soltanto gli studenti o gli appassionati di libri a frequentarla, ma che sia l’intera comunità ad usufruirne.

Pubblicato in: libri

Che Meraviglia!!!

Avete notato che la scrivania del controllore del tempo è molto simile a quella di Piero Angela in Superquark ?
Una bellissima scrivania di legno scolpito che sembra essere formata da tanti libri uno sopra l’altro, mi piace molto e così ho voluto che la avesse anche Metronomo!

Mentre cercavo delle fotografie che la raffigurassero, mi sono imbattuta in una struttura meravigliosa di cui fino ad allora non conoscevo neanche l’esistenza!
Mi sono detta che prima o poi ci dovrò andare!
L’ha realizzata nel 1990 lo stesso scultore veneziano che ha creato la scrivania di Superquark, si chiama Livio De Marchi.
E’ una casetta interamente fatta di legno scolpito in modo che sembri costruita con tanti volumi di dimensioni diverse sovrapposti e incastrati tra loro, il tetto è un enorme libro aperto e come comignolo c’è una penna stilografica. La casetta è circondata da un bel giardino e da un recinto fatto di grandi matite con le “mine” colorate, dei grossi occhiali fungono da cancello . All’interno tutto è di legno, dall’arredamento fino agli abiti appesi nell’armadio e tutto richiama i libri, come il tavolo, le sedie, e il letto, ovviamente non poteva mancare una bella libreria piena di volumi non troppo ordinati, il tutto magistralmente scolpito! Peccato che le scale invece non sembrino libri sovrapposti!

L’incantevole struttura si trova in provincia di Belluno precisamente a Sant’Anna di Tambre sulle montagne dell’Alpago se qualcuno di voi abita lì vicino non dovrebbe perdere l’occasione di andarci e magari di mandarmi qualche foto!!!

E’ segnata anche su google maps!