Pubblicato in: libri

Inviti Elfici!!!

Per la nostra festa a tema Lo Hobbit/Il Signore Degli Anelli abbiamo realizzato degli inviti elfici ispirandoci al “Pan Di Via”: il pane degli Elfi che viene spesso nominato nei libri e nei film, quello di cui basta mangiarne un pezzetto per sentirsi sazi almeno due giorni….se non si è Hobbit, ovvio!

Occorrente:

  • Carta-stoffa verde o feltro verde qb
  • Cartoncino possibilmente non colorato
  • Ago con filo verde diverso da quello della stoffa
  • Spago possibilmente di colore naturale

Procedimento:

Stampare sul cartoncino una frase a tema e le informazioni, noi abbiamo scritto “E’ il nostro compleanno, berremo come Nani, fumeremo come Maghi, canteremo come Elfi e faremo festa come Hobbit” e sull’altro lato abbiamo scritto le indicazioni per la festa, ma comunque utilizzando un linguaggio epico e il carattere elfico per scrivere.

Ritagliare la carta-stoffa o feltro a forma di foglia di pan di via. (Aiutandosi magari con un cartamodello stampato)

Con l’ago e il filo ricamare le venature, anche solo quelle più grandi e importanti.

Per finire ripiegare attorno all’invito la foglia e fissarla legandola con lo spago possibilmente sottile.

FINE!!!

Pubblicato in: libri

Orde di orchi!

Sempre per la nostra festa a tema “Il Signore Degli Anelli”-“Lo Hobbit” abbiamo deciso di creare delle parti di orco da infilare nella siepe in modo che sembrasse che stessero arrivando da dietro. Ora potrete averne uno anche voi!!!

Occorrente per 1 testa di orco :

  • Tanta carta
  • Carta stagnola
  • Tanti fazzoletti da 2 o più veli
  • Colla vinilica con acqua qb
  • Occhi finti (meglio rossi, con cataratta…)
  • Denti finti o denti del fermaglio a pinza
  • Pennelli
  • Colori (consigliati marrone, grigio, rosso, nero e bianco e blu per ritocchi)
  • Peli finti (facoltativo)

Procedimento:

Creare una grande palla di carta, pressarla un po’ nei punti rientranti come gli occhi dandogli una vaga forma di testa, il naso e le orecchie si possono fare con altri pezzi di carta e attaccarli sulla testa con lo scotch di carta tanto poi non si vede, ricoprire tutto con la carta stagnola pressando bene. Ora che l’orco inizia a prendere forma cominciare a separare i veli dei fazzoletti e appoggiarli su punti della testa dell’orco per spennellarci sopra un buon quantitativo di colla e acqua miscelate in precedenza in modo da ricoprire tutta la testa. Una volta asciutti, i fazzoletti possono essere dipinti, quindi colorateli a piacere magari con ferite, cicatrici, sangue, una mano bianca stampata al centro della faccia (marchio di Saruman)… Dopo aver dipinto la testa si possono attaccare gli occhi, non preoccupatevi se non si attaccano bene perché dovrete poi applicarci sopra altri fazzoletti (piccoli pezzi) in modo da formare le palpebre, che una volta asciutte devono essere anche queste dipinte. Se avete fatto la bocca aperta anche solo un po’ o volete che si veda un dente che sporge potete usare denti finti che se non avete potete sostituire con i denti di un fermaglio a pinza. Come ritocco finale, se volete potete aggiungere qualche pelo magari nelle orecchie…

Per fare gambe e braccia la tecnica è la stessa, le unghie si possono fare con pezzi di fazzoletti accartocciati, mi raccomando i peli!

Pubblicato in: libri

Spille Elfiche!

Per la nostra festa di compleanno, io e mio fratello abbiamo creato per ogni invitato una spilla elfica come quelle portate da tutti i componenti della compagnia dell’anello (Il Signore Degli Anelli).

Occorrente x circa 4 spille:

1) Una lattina vuota (noi abbiamo usato una di birra, il colore non ha importanza)

2) Forbici

3) Vernice o smalto verde

4) Matita

5) Foglio con stampata la figura della foglia

6) Fil di ferro

7) Spilla da balia

8) Colla ( noi abbiamo usato colla a caldo )

Procedimento:

Tagliare un pezzo di lattina accertandosi di farci entrare la figura della foglia e ricalcare la sagoma della foglia sul pezzo di lattina dal lato NON colorato assicurandosi di calcare bene.

Disegnare le tre principali venature ( quelle più grandi ), anche queste dal verso non colorato ( assicurandosi SEMPRE di calcare ), girare il pezzo di lattina e calcare l’interno della foglia in ogni punto meno che sulle venature.

Una volta “colorata”, la foglia, risulterà bombata dal lato non colorato e con dei solchi ( venature ).

Ritagliare la foglia e dipingerla totalmente Sul lato NON colorato.

Dopo aver aspettato che si asciughi con l’aiuto di qualcosa di appuntito ( noi abbiamo usato la punta delle forbici ) passare sulle venature principali in modo da grattare via il colore in quel punto “disegnare” delle venature più piccole delle principali partendo da esse con lo stesso metodo rendendole visibili.

Copiare gli intrecci di fil di ferro da una immagine e attaccarli sulla spilla, attaccare anche la spilla da balia.